L’evento ha cui partecipai si teneva all’università di Pistoia. Vicino alla “Cattedrale” così la chiamano, un grande edificio per eventi e mostre.

Ci spiegarono bene cos’era il social business. Ed alla fine ci dissero di fare un’esercizio. Compilare un business canvas model. L’avevo fatto decine di volte per i miei clienti, sarebbe stato facile. Poi però, una volta divisi in gruppi, ci chiesero: qualcuno ha un’idea per un business sociale? Nel mio gruppo nessuno parlava. Io ero abbastanza imbarazzato. Ma tanto ho pensato è giusto un esercizio. Allora ho detto: io in realtà è tanto tempo che penso ad un’idea. Perché non formare le categorie più fragili della nostra società alle professioni del futuro, le professioni digitali e creare con loro un’azienda che eroghi servizi digital ad aziende virtuose? Lo dissi così per dire. Qualcuno del gruppo disse: bella idea. Ed iniziammo a progettare. Da quel momento non abbiamo mai smesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *